cheap ray ban sunglasses outlet cheap oakley outlet sale cheap Ray Ban sunglasses online cheap Ray Ban sunglasses outlet uk Cheap Ray Bans Outlet cheap ray bans sale cheap ray ban glasses Ray ban sunglasses for cheap cheap ray ban sunglasses cheap ray ban glasses outlet cheap ray ban glasses cheap oakley sunglasses outlet Wholesale oakley sunglasses cheap oakley sunglasses online occhiali da sole ray ban clubmaster oakley Italia ray ban italia occhiali da sole ray ban outlet
fake id california fake id online maker texas id best state for fake id fake id review illinois fake id fake id usa reddit fake id how to get a fake id how to get a fake id buy usa fake id buy fake id fake school id connecticut fake id cheap fake id best fake id fake id maker fake id god fake id website Fake id generator Fake id Fake id maker reddit fake id/ how to make fake id fake drivers license/ best fake id

26 marzo 2010

26 marzo 2010

Abbiamo preso i biglietti per la Tanzania. A giugno andremo a fare un primo sopralluogo. L’idea, proposta da Luigi Remondi che da anni contribuisce attraverso la Onlus Agapiti ad interventi di sviluppo e costruzione nel paese, è di raccontare la situazione in un momento di svolta. Il prossimo decennio sarà probabilmente decisivo per tutta l’Africa Orientale (quella rivolta verso le neo-potenze India e Cina), e potrebbe cambiarne il volto.
Abbiamo quasi carta bianca, anche se gli spunti e le “occasioni di racconto” che ci vengono suggerite sono molte. Ad esempio c’è la possibilità di partire da qui, dall’Italia, dalle cittadine del Nord dove vivono coloro che danno vita a queste iniziative (siano Onlus, missioni religiose, associazioni medico-sanitarie o altro); persone che ad un certo momento della loro vita iniziano a occuparsi di altre persone lontanissime e diversissime da loro (chi è più esotico, più stravagante, più “folle”, tra i due, non si sa, è una questione di prospettive, ma certo dai primi segnali e incontri si prospetta un tripudio di umana comprensione nell’incomprensione… molto intrigante per una narrazione cinematografica che vive del confronto – dei “materiali”, dei punti di vista – della giustapposizione e non (mai!) della manipolazione, come quella che stiamo inseguendo).
Sviluppa il progetto Susanna Sguera, producer presa a prestito (per gentil concessione) dalla Mir cinematografica.
Per quanto mi riguarda, dopo l’esperienza di “Cielo senza terra” con Sara Pozzoli, è sempre più attraente l’idea di fare film a più mani. E dunque uno degli obiettivi del sopralluogo è prendere contatti con filmmakers locali, o anche persone che lavorano in altro modo con le immagini. Chiederemo loro di collaborare. Susanna propone di lasciare ad alcuni una videocamera, tra questo sopralluogo e il prossimo viaggio. Con un po’ di fortuna, dico io, potremmo tornare e trovare il film già fatto… questa sì è un’idea produttiva!

p.s.
Solo provvisoriamente, ho rinunciato all’idea di partire durante la stagione delle piogge. Per la vecchia tentazione di provare a filmare la pioggia. Di farne la protagonista di un film…

  • Facebook
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • email
  • PDF

Leave a Reply